home
prevenire le malattie epatiche

Evitare le malattie epatiche

L’epatite è la malattia del fegato più comune.
Qui è riportato cosa devi sapere per proteggere te e le persone che ami.

Epatite A

Si diffonde per contaminazione oro-fecale. Ciò può verificarsi se non ti lavi bene le mani dopo essere andato in bagno o dopo aver cambiato un pannolino, o se mangi cibi crudi contaminati.
Per saperne di più sull'epatite A

Epatite B

Si diffonde tramite il sangue o altri liquidi organici. Avere rapporti sessuali non protetti con una persona infetta, condividere siringhe e/o aghi, usare il rasoio o lo spazzolino di una persona infetta ed esporsi ai suoi liquidi organici può metterti a rischio di epatite B.
Per saperne di più sull'epatite B

Epatite C

Si diffonde principalmente attraverso il contatto diretto con sangue infetto. Essa può essere trasmessa attraverso aghi contaminati e supporti utilizzati per iniettare farmaci, così come con tatuaggi o piercing.
Per saperne di più sull'epatite C


 

Se non trattate, l’epatite B e C possono diventare infezioni croniche che causano fibrosi epatica (o cirrosi) e epatocarcinoma. Molta persone infette non presentano sintomi finché non si verifica danno epatico, talvolta molti anni più tardi.

Occhio a ciò che bevi

  • L’abuso di alcol è la causa principale di danno epatico. Gli uomini dovrebbero limitare l’assunzione di alcol a non più di 2 bicchieri al giorno e le donne a non più di uno. Se hai una qualunque malattia epatica devi smettere completamente di bere;
  • studi recenti suggeriscono che l’alcol, il tabacco e l’obesità concorrono insieme ad incrementare il rischio di epatocarcinoma.

Occhio a ciò che mangi

  • Riduci i fritti e i cibi grassi. Mangia più frutta fresca e verdura, pane ai cereali, riso e cereali;
  • controlla il tuo peso: l’obesità danneggia il fegato. L’attività fisica aiuta il fegato facendoti mantenere il tuo peso forma.

Occhio ai farmaci

Il fegato è l'organo in cui vengono metabolizzati la maggior parte dei farmaci. Rispettare le dosi consigliate, limitarne allo stretto indispensabile, aiuta sicuramente il fegato a lavorare meglio e a non essere costantemente sotto pressione. È bene infatti ricordare che i farmaci vanno presi se necessario e secondo il parere di un medico.
Quindi concorda con il tuo medico l'assunzione di:

  • ogni tipo di farmaco;
  • ogni tipo di prodotto erboristico;
  • vitamine e integratori alimenatri.

Occhio all’esposizione a sostanze dannose

  • Le tossine sono processate dal fegato, pertanto è importante limitare l’esposizione ad esse;
  • usare detergenti aggressivi o prodotti spray in ambienti ventilati;
  • gli additivi nelle sigarette riducono la capacità del fegato di eliminare le tossine;
  • isetticidi e altre sostanze chimiche possono raggiungere il fegato attraverso la tua pelle e distruggere le cellule epatiche. Quando usi sostanze chimiche da giardino o domestiche, indossa mascherina e guanti, copri la pelle e dopo lavati bene le mani.

Occhio a questi segnali

Se è presente uno di questi segnali, contatta il tuo dottore:

  • colorazione gialla della cute o delle sclere (noto come ittero);
  • gonfiore addominale o dolori addominali severi;
  • urine molto scure;
  • feci chiare, ematiche o molto scure;
  • stanchezza cronica, nausea o perdita di appetito.

Consulta il tuo medico circa test e vaccinazioni

Alcune malattie epatiche, come le epatiti, sono causate da virus. Altre sono ereditarie, e altre ancora sono causate da reazioni a farmaci o sostanze chimiche. Chiedi al tuo medico qual è il tuo rischio e se vaccinarti per prevenire l’Epatite A o B.

Fai il test dell’epatite B:

  • se sei stato esposto a sangue o secrezioni corporee in ambiente lavorativo, come i lavoratori in pronto intervento, i vigili del fuoco, gli impresari di pompe funebri, gli imbalsamatori, gli agenti di polizia o il personale sanitario;
  • se hai fatto utilizzo, anche occasionale, di droghe intravenose;
  • se sei emofilico di lunga data, a causa delle trasfusioni;
  • se sei in terapia emodialitica a lungo termine;
  • se lavori o sei paziente in strutture sanitarie a lungo termine;
  • se lavori in carcere o sei un detenuto;
  • se hai avuto rapporti sessuali non protetti con partner a rischio;
  • se ti sei fatto/a fare tatuaggi o piercing con aghi non sterili;
  • se convivi e scambi oggetti personali con persone infette;
  • se hai soggiornato in paesi dove l’epatite B è diffusa e non hai fatto attenzione all'igiene.

Se sei in gravidanza e sei portatrice di infezione con epatite B, puoi trasmettere l’infezione al tuo bambino al momento della nascita. Vaccinare il tuo neonato impedirà la trasmissione dell’epatite B in 9 casi su 10. Se il tuo partner o qualcuno nella tua famiglia è portatore di infezione da epatite B, vaccinati contro l’epatite B.

Fai il test per l’epatite C:

  • se hai utilizzato anche occasionalmente siringhe monouso o cocaina(la cocaina in sé non provoca epatite ma spinge verso comportamenti a rischio) in modo promiscuo;
  • se sei stato oggetto di trasfusioni o trapianti d’organo eseguiti prima del 1992 o trattati con fattori emocoagulativi prima del 1987;
  • se fai terapia emodialitica a lungo termine;
  • se noti una persistente anormalità dei livelli di transaminasi epatiche ALT;
  • se fai parte di personale sanitario medico o paramedico esposto al rischio di ferite accidentali con aghi infetti o fonti di sangue positivo all’HCV;
  • se sei nato/a da madre infetta;
  • se hai abitualmente rapporti sessuali non protetti con partner a rischio o con storia di malattie a trasmissione sessuale;
  • se ti sei fatto/a fare tatuaggi o piercing con aghi non sterili;
  • se fai uso comune di rasoi, spazzolini o altri oggetti personali con persone infette da HCV.
» Top

 Se rientri nelle categorie a rischio rivolgiti al tuo medico per approfondire lo stato di funzionalità del tuo fegato per favorire una diagnosi precoce
 Un percorso per la salute del fegato comincia con la consapevolezza e l’azione. Condividi questi punti con i tuoi amici e la tua famiglia, e consulta il tuo medico per rispondere a quesiti specifici.

 

 

 

 

PRIMO VIDEO CONTEST ACE – 2014

x

PREMIO DI STUDIO FIRE Onlus anno 2018

La FIRE Onlus bandisce 1 Premio di Studio in memoria di "Giacomo Villa" per la migliore pubblicazione scientifica sul colangiocarcinoma pubblicata negli anni 2016-2017.
Il premio di studio è dell’importo di € 4.000,00
La scadenza per la presentazione delle domande
è fissata per il 29 Gennaio 2018

Scarica il BANDO Scarica la DOMANDA




BORSE DI STUDIO FIRE Onlus anno 2017

La FIRE Onlus bandisce 16 Borse di Studio della durata di 12 mesi ciascuna di € 20.000,00
La scadenza per la presentazione delle domande
è fissata per il 15 Maggio 2017


Scarica il BANDO Elenco VINCITORI